Grivel Power Dry: Dry Tooling da competizione…

Bouldering è sinonimo di arrampicata potente, rapida, libera; senza corde, imbragature ed altre costrizioni. Solo un materasso a parare le cadute, solo divertimento e fatica, senza pericolo alcuno. Ma per superare certi passaggi, per realizzare certi movimenti, non basta da sola la voglia di divertirsi o di faticare; occorrono anni di studio e di allenamento, di coordinazione acquisita.

Nelle gare di bouldering gli atleti devono dimostrare tutte queste cose: capacità di capire un problema in poco tempo: sei minuti per risolverlo; e sei minuti soltanto per riposarsi, anche se la mente si annebbia per la fatica. Un top da raggiungere in cima al blocco, la sola chance di acquistare punti oltre alla presa di zona, un altro punto che conferisce un punteggio intermedio, di consolazione. E il bisogno di riuscire in meno tentativi possibile, perché una salita rapida, al primo giro, significa guadagnare tanti posti in classifica. il bouldering ormai è una disciplina consolidata e praticata con le stesse regole in tutto il Mondo.

Il Dry tooling è invece una disciplina nuova, legata al mondo della scalata su ghiaccio, ma capace di divincolarsene, quando occorre fare allenamento oppure una competizione come quella di Bolzano. Al posto delle mani due attrezzi da cascata, per realizzare ciò che a mani nude sarebbe impossibile: appigli piccolissimi e lontani, che le dita non potrebbero reggere a meno che fossero d’acciaio come le becche di queste piccozze. Sensibilità sugli attrezzi e una grandissima resistenza sui grossi muscoli del tronco e delle braccia; questi gli ingredienti che occorrono per primeggiare nel dry tooling, unitamente alla scioltezza che occorre per impostare delle figure, delle contorsioni del corpo che lasciano sbalorditi gli spettatori. Anche qui vince chi arriva più in alto e con meno tentativi, senza potere però agganciarsi con le gambe alle piccozze, che gli atleti più smaliziati potrebbero utilizzare come vere e proprie scale, se il regolamento non lo vietasse.

A Bolzano il dry tooling debutta come disciplina indipendente e dal circuiti di Coppa Italia Dry 2005 usciranno i candidati per partecipare alla Coppa del Mondo di ice climbing 2005, disciplina che ha ottime possibilità di diventare olimpica nel prossimo decennio.