Alla scoperta del Sentiero Italia CAI con Ferrino ed i ragazzi di Va’ Sentiero

Ferrino è pronta a ripartire alla scoperta del Sentiero Italia CAI con i ragazzi di Va’ Sentiero Yuri Basilicò, Sara Furlanetto e Giacomo Riccobono

Ferrino è pronta a ripartire alla scoperta del Sentiero Italia CAI con i ragazzi di Va’ Sentiero Yuri Basilicò, Sara Furlanetto e Giacomo Riccobono

Sarebbero dovuti ripartire con l’arrivo della primavera Yuri Basilicò, Sara Furlanetto e Giacomo Riccobono, i ragazzi che hanno fondato il progetto Va’ Sentiero. A cambiare i loro piani la pandemia di Coronavirus che ha messo in lockdown il Paese, ma adesso è tempo di allacciare gli scarponi, regolare gli spallacci e ricominciare il cammino lungo il Sentiero Italia, percorso di 6000 chilometri che attraversa Alpi, Appennini e isole maggiori in un ideale itinerario che abbraccia l’Italia intera.

“È un piacere continuare a essere al fianco dei ragazzi in questa ripartenza” ha dichiarato Anna Ferrino, CEO. “Oggi più che mai il loro lungo cammino alla scoperta del nostro Paese, per raccontarne e valorizzarne le bellezze paesaggistiche e le aree interne meno conosciute, assume un significato di rinascita”.

Sentiero Italia

Partiti il 27 aprile 2019 da Trieste i ragazzi di Va’ Sentiero hanno percorso le Alpi, l’Appennino settentrionale e parte di quello centrale raggiungendo Visso, ai piedi dei Monti Sibillini, dopo 7 mesi e 3500 chilometri di sentiero. Da questo piccolo centro in provincia di Macerata riprenderanno il loro viaggio il prossimo 30 agosto. Quest’anno affronteranno un percorso di 80 giorni che li porterà attraverso Marche, Abruzzo, Molise e Puglia. Territori dal grande fascino naturalistico e ricchi di storia, ma purtroppo spesso poco conosciuti e valorizzati. “Per questi luoghi il Sentiero Italia è davvero un’opportunità” confidano i ragazzi. L’ultima parte del lungo cammino, Appennino meridionale e isole, lo affronteranno invece nel 2021.

Una spedizione aperta a tutti

Come già per la prima parte del cammino, anche in questa seconda parte chi vorrà potrà unirsi a Va’ Sentiero per camminare insieme una, due o più tappe. Farlo è semplicissimo, basta seguire la pagina Facebook del progetto per conoscere la posizione dei ragazzi e avere informazioni su dove e quando è possibile unirsi a loro. Un bel modo per andare alla scoperta del Bel Paese in compagnia.

La filosofia

Non si tratta di un’impresa sportiva, quanto più di un’iniziativa sociale, basata sull’idea di condivisione: un’avventura raccontata attraverso la rete e i social, un’esperienza che vuole essere una finestra sulle terre alte italiane: i paesaggi, i volti, le tradizioni, i piatti, i mestieri, i dialetti. Chiunque potrà aggregarsi alla spedizione per un breve tratto, testimoniando in prima persona la centralità della montagna e l’importanza di un approccio sostenibile all’ambiente.

Un’esperienza collettiva, nel rispetto dei luoghi per rilanciare il patrimonio naturalistico ed ambientale inestimabile del nostro Paese: “grazie al nostro viaggio, vogliamo far conoscere il Sentiero Italia soprattutto ai nostri coetanei, in tutto il mondo, e dare voce alle terre alte, luoghi meravigliosi eppure spesso dimenticati, spopolati, abbandonati a se stessi” ha dichiarato Yuri Basilicò, ideatore di Va’ Sentiero.

L’attrezzatura
Ferrino come partner ufficiale fornirà i nostri trekker dell’attrezzatura necessaria per affrontare questo lungo viaggio su e giù per le terre alte.

Info: www.vasentiero.org

Partiti il 27 aprile 2019 da Trieste i ragazzi di Va’ Sentiero hanno percorso le Alpi, l’Appennino settentrionale e parte di quello centrale raggiungendo Visso, ai piedi dei Monti Sibillini, dopo 7 mesi e 3500 chilometri di sentiero.

Partiti il 27 aprile 2019 da Trieste i ragazzi di Va’ Sentiero hanno percorso le Alpi, l’Appennino settentrionale e parte di quello centrale raggiungendo Visso, ai piedi dei Monti Sibillini, dopo 7 mesi e 3500 chilometri di sentiero.