Ines Papert e Luka Lindič nel team di atleti C.A.M.P.

Ines Papert e Luka Lindič: il team di atleti C.A.M.P. cresce con due stelle di prima grandezza © Klaus Fengler

Ines Papert e Luka Lindič: il team di atleti C.A.M.P. cresce con due stelle di prima grandezza © Klaus Fengler

Il team di atleti C.A.M.P. cresce con due stelle di prima grandezza: Ines Papert e Luka Lindič. I due fuoriclasse, completi e fortissimi su tutti i terreni, hanno scelto la nostra azienda come partner tecnico per le loro imprese e da oggi metteranno alla prova i nostri attrezzi sulle vie di roccia, ghiaccio e misto più difficili del mondo. Non possiamo quindi che essere estremamente soddisfatti di questa nuova partnership, che si inserisce in una lunga tradizione di collaborazioni con personaggi di rilievo che hanno scritto la storia dell’alpinismo. Ines e Luka rappresentano al cento per cento i valori di ricerca, innovazione e stile che da sempre contraddistinguono C.A.M.P., e per questo siamo orgogliosi di annunciarli come nostri ambasciatori nell’universo dell’avventura in montagna.

Ines Papert

Ines Papert @ Klaus Fengler

Ines Papert @ Klaus Fengler

Ines Papert è nata nel 1974 a Wittenberg (Germania). Proveniente da una famiglia di musicisti, studia fisioterapia e a vent’anni scopre la montagna. Talento e determinazione la portano a primeggiare nelle competizioni di arrampicata su ghiaccio, da cui si ritira nel 2006 per dedicarsi completamente alle scalate in ambiente e alle spedizioni. Il suo curriculum è impressionante e comprende successi come le salite in libera delle vie Symphonie de liberté (900 m, 8a) sull’Eiger (2003), Letzte Ausfahrt Titlis (500 m, 8a+) sul Titlis (2004) e Camillotto Pellissier (500 m, 8b) sulla Cima Grande di Lavaredo (2007). Nel 2009 apre Power of silence (400 m, 7c+) sulla Middle Huey Spire (Canada) e Cobra Norte (1300 m, WI5, M8) sul Kwangde Shar (Nepal) e negli anni successivi firma vie nuove in Cina/Kirghizistan (Great Wall of China), sull’isola di Baffin (Mount Asgard) e ancora in Nepal (Likhu Chuli I). Nel 2012 sale Illuminati (120 m, M11) in Vallunga (Dolomiti, Italia) e Schwarze Madonna (300 m, 8a) sull’Untersberg (Germania). Tra le imprese più recenti, completate con Luka Lindič che dal 2020 è suo marito, ricordiamo la spettacolare Lost in China (1200 m, WI5+, M6, prima ascensione) sul Kyzyl Asker tra la Cina e il Kirghizistan (2016), Supercombo (800 m, M7) sulla parete nordest del Pizzo Badile in Svizzera (2017), Sharks of Königssee (300 m, 8a, prima ascensione) sull’Alpltalkopf in Germania (2018), The sound of silence (1200 m, M8, WI5, prima ascensione) sul Mount Fay in Canada (2019) e Wolke 7 (400 m, 8a, prima ascensione) sull’Hinteres Feuerhörndl ancora in Germania (2020).

La parola a Ines. «Perché ho scelto C.A.M.P.? Per l’altissimo livello dei prodotti, innanzitutto, e poi per la sensazione di entrare a far parte di una famiglia, con la possibilità di preziosi scambi in entrambe le direzioni: sia da parte mia sia da parte dell’azienda, la cui storia testimonia un forte attaccamento all’alpinismo. In queste settimane ho già testato diversi attrezzi e sono rimasta sorpresa dai ramponi Alpinist Tech, i migliori che abbia mai usato, e della piccozza X-Dream, con cui posso fare veramente tutto. Ma anche il casco Storm è straordinario: comodissimo e leggero, ideale in montagna quando il successo dipende da molti dettagli e la leggerezza, insieme alla funzionalità e alla robustezza, diventa fondamentale. E su questo aspetto ho constatato la grande capacità di C.A.M.P. di raggiungere il mix ideale, in cui nessuna caratteristica compromette le altre».

Luka Lindič

Luka Lindič @ Klaus Fengler

Luka Lindič @ Klaus Fengler

Luka Lindič è nato nel 1988 a Celje (Slovenia). Scala dal 2003, quando aveva quindici anni, e nel 2008 era già in spedizione in Pakistan, dove ha compiuto la prima ripetizione della via Anderson-House-Prezelj (2200 m, 6c, M6) sul K7 Ovest. Attento e metodico, concentrato sulla preparazione e sull’allenamento nonché cultore di storia dell’alpinismo, Luka non ha impiegato molto a farsi notare come uno dei più limpidi talenti della sua generazione. Nel 2009 firma ben tre vie nuove nel gruppo dei Bhagirathi (India), avviando una serie di “prime” proseguita in diversi continenti: dall’Europa alle Americhe fino ai colossi dell’Asia. Nel 2014 si segnala per la prima salita in libera di Rolling Stones (1100 m, M8, 6a) sulla parete nord delle Grandes Jorasses (Monte Bianco) e soprattutto per l’impresa himalayana sull’Hagshu (via nuova di 1350 m, 70°-90°, III) premiata con il Piolet d’Or. Nel 2016 è attivo in Canada dove apre le vie Lindič-Leclerc (1100 m, M7+, WI6+, R) sul Mount Tuzo e Psychological effect (700 m, M7, WI5+) sul Mount Neptuak, e poi passa in Pakistan dove raggiunge la vetta del Broad Peak (8047 m) e la cima nord del Gasherbrum IV (7900 m). Il 2016, ricchissimo di risultati, è anche l’anno della salita insieme ad Ines sul Kyzyl Asker, con cui comincia la loro meravigliosa storia in cordata, in montagna e nella vita. Per quanto riguarda la difficoltà pura, Luka ha raggiunto l’8c su roccia e l’M13 su misto.

La parola a Luka. «C.A.M.P. è un’azienda famigliare di lunghissima tradizione, dove si respira un’atmosfera positiva di passione e amicizia, fondamentale per lavorare bene insieme. È anche per questo, al di là dell’indubbia qualità dei prodotti, che sono contento di farne parte. A proposito di prodotti, metto al top la piccozza X-Dream, i ramponi Alpinist Tech, i rinvii Dyon e, con mia grande sorpresa vista la specializzazione di C.A.M.P. nell’hardware, i guanti Geko Ice Pro con cui mi trovo benissimo. Personalmente non sono un alpinista “con la bilancia”, che sta a pesare tutti gli attrezzi e sceglie soltanto i più leggeri. Ciò che colpisce di C.A.M.P., come diceva Ines, è la capacità di proporre prodotti leggeri e allo stesso tempo performanti, con i quali – penso ad esempio alla piccozza X-Dream: leggera ed efficacissima – non si deve rinunciare a nulla».

Germania e Slovenia. Negli ultimi anni C.A.M.P. ha notevolmente rafforzato la sua presenza in Germania, investendo risorse in uno dei principali mercati europei del settore outdoor. Anche nel 2020, nonostante la pandemia, la crescita di C.A.M.P. in Germania è stata a doppia cifra, testimoniando la bontà delle scelte effettuate. La collaborazione con Ines Papert, indiscussa regina dell’alpinismo tedesco, molto amata dal pubblico che la segue sui media e nelle sue conferenze, si inserisce quindi in questo contesto, per portare ancora maggiormente l’attenzione degli appassionati sui nostri prodotti. Per quanto riguarda invece la Slovenia, forse il paese che negli ultimi decenni – fin dagli anni Settanta del secolo scorso – ha dato di più all’alpinismo mondiale, la partnership con Luka Lindič è l’ennesimo, importante tassello di un mosaico che C.A.M.P. ha realizzato affiancando diversi fuoriclasse di questa nazione unica, che ha sulla propria bandiera il Monte Triglav. Pensiamo a Tomaž Humar, ad Aleš Koželj, ai giovani Luka Stražar, Nejc Marčič e Martin Žumer e, allargando l’orizzonte all’arrampicata sportiva, a Maja Vimar e Janja Garnbret.

Insieme, per dar forma all’arte di salire le montagne. «Con Ines Papert e Luka Lindič avviamo una collaborazione di prestigio destinata a durare molto a lungo – dichiara Eddy Codega, presidente di C.A.M.P. –. Lo dico pensando ai nostri rapporti con gli atleti di più alto profilo, che una volta con noi non ci hanno più lasciato e con gli anni sono diventati amici e parte della “famiglia”. Così è la nostra azienda, e Ines e Luka hanno già colto la passione che la anima, il suo stile all’insegna della tradizione protesa al futuro. Hanno trovato persone che parlano come loro, che a sentire la parola “alpinismo” balzano sulla sedia e, senza retorica, sono veramente felici di realizzare gli attrezzi per praticare quest’attività. Da parte nostra, invece, abbiamo visto in Ines e Luka gli ambasciatori ideali del nostro lavoro, che da oggi sarà esaltato nelle loro imprese: obiettivi possibili soltanto grazie ad un’eccezionale capacità di guardare avanti, ogni giorno, senza arrendersi di fronte alle inevitabili difficoltà. Ines e Luka in parete e noi in azienda, distanti ma insieme, impegnati al massimo nel dare forma all’arte di salire le montagne».

Ines Papert
www: https://ines-papert.com/FacebookInstagram
Luka Lindič
www: lukalindic.comFacebook.com , Instagram.com

Visualizza la traduzione in / This post is also available in English