AKU candida Apollo all’EOCA

Paesaggio di montagna © Silvia Ghidotti

Paesaggio di montagna © Silvia Ghidotti

Dal 5 al 19 ottobre, sul sito dell’EOCA (associazione europea per le attività outdoor e la conservazione) è possibile votare per il finanziamento del progetto di ricerca APOLLO (gestione e conservazione dei pascoli alpini) a cura dell’Istituto per la Dinamica dei Processi Ambientali del CNR e dal Parco Nazionale Gran Paradiso, di cui AKU, socio di EOCA, ha presentato la candidatura.

EOCA (European Outdoor Conservation Association) è un’associazione no-profit che dal 2006 promuove e supporta progetti legati alla conservazione della natura, diffondendo messaggi legati all’importanza e al rispetto per le aree naturali più selvagge. Ogni anno le aziende aderenti ad EOCA (attualmente sono 125 e AKU è presente dal 2009) hanno la possibilità di presentare idee e progetti di conservazione ambientale, che, se riescono a superare la fase di valutazione del comitato scientifico di EOCA, sono sottoposti a due votazioni: una pubblica e una specifica per le aziende associate. Solo il progetto che otterrà il maggior numero di voti verrà finanziato.

I progetti selezionati per essere votati sono 17 (divisi in 3 categorie) e AKU è la sola azienda italiana presente nelle candidature.

Il Parco Nazionale Gran Paradiso ha una lunga storia di presenza e attività umane al suo interno. Durante l’ultimo millennio, le attività agro-pastorali hanno determinato un mix meraviglioso di pascoli, praterie, arbusteti, zone umide e aree boscate. Questa alternanza di habitat ospita molte specie rare e minacciate, ma l’abbandono delle attività agro-pastorali tradizionali sta contribuendo a causare una omogeneizzazione del paesaggio e la chiusura delle zone aperte in seguito alla ricolonizzazione di arbusti e dei boschi. I pascoli restanti si trovano per contro a essere spesso sovra-sfruttati, con una conseguente perdita di biodiversità.

Paesaggio di montagna © Silvia Ghidotti

Paesaggio di montagna © Silvia Ghidotti

Il progetto APOLLO, che è riuscito a superare la selezione scientifica, servirà a creare, per due aree simbolo di circa 100-150 ettari, una lista di “buone pratiche” per la gestione delle attività di pascolo tradizionali, che nei secoli hanno contribuito a determinare l’eterogeneità ambientale, ricca di biodiversità animale e vegetale, tipica delle nostre vallate alpine. Collaborando con i pastori locali si potranno sostenere le attività rurali tradizionali, rispettose della conservazione della natura, e attraverso una serie di eventi pubblici verranno divulgati il valore della biodiversità locale, la bellezza dello stile di vita tradizionale e lo stretto legame che intercorre tra di loro.

Ma per realizzare tutto questo bisogna assicurarsi il massimo numero di voti, dal 5 al 19 ottobre è possibile votare il progetto APOLLO.

Per approfondimenti sul progetto APOLLO: www.aku.it/storie/apollo.html

Per votare APOLLO: www.outdoorconservation.eu/project-voting-category.cfm?catid=1